Prestiti Personali fino a 60.000€: [Trova la Rata più bassa]

I prestiti personali Agos rappresentano un’ottima soluzione per chi necessiti di liquidità in tempi brevi per la realizzazione di un progetto, per far fronte a spese impreviste o per consolidare altri finanziamenti in corso. Il mercato dei prestiti personali e del credito oggi giorno offre numerose alternative, che andremo di seguito ad esaminare nel dettaglio.

I prestiti personali, la cessione del quinto e il prestito delega

La cessione del quinto è forse l’opzione più classica per chi desideri ottenere un buon prestito personale. Si tratta di prestiti personali al consumo, con restituzione di rate mensili, tutte di pari importo, paria non più di un quinto (20 per cento dello stipendio o della pensione percepita), per una durata complessiva fino a dieci anni (120 rate). Questa scelta offre dei vantaggi significativi:

  • la chance di beneficiare di importi anche piuttosto elevati, in particolare se si può vantare una buona anzianità di servizio (con relativo accumulo di un cospicuo TFR), o una discreta retribuzione;
  • avvalersi del finanziamento in tempi estremamente brevi rispetto alla media, una volta dimostrato di disporre di un reddito certo e continuativo;
  • i prestiti personali non sono finalizzati, dunque non vi sarà bisogno di alcuna specifica sullo scopo che si vorrà raggiungere con la somma che ci verrà erogata.

La cessione del quinto prevede due requisiti essenziali, cioè un reddito mensile maggiore di 501,85 € e un’età non superiore ad 85 al momento della restituzione. E’ inoltre obbligatorio ai sensi di legge sottoscrivere un’assicurazione su rischio vita ed eventuale perdita dell’impiego, che funge da tutela tanto per il beneficiario quanto per l’ente erogatore. Ovviamente dimostrare di disporre di un reddito è un fattore chiave di successo per l’ottenimento del finanziamento, e in genere dipendenti pubblici, pensionati e dipendenti privati con contratto a tempo indeterminato sono avvantaggiati nell’andamento a buon fine della pratica.

Il prestito delega è del tutto simile alla cessione del quinto che abbiamo precedentemente esaminato, tuttavia permette in media di ottenere un importo finanziabile molto più cospicuo. La somma complessiva delle rate da restituire mensilmente infatti arriva al 40 per cento dell’ammontare della retribuzione. Chiaramente il consumatore in questo caso deve focalizzarsi sulla propria capacità effettiva di rientro, poiché anche gli esborsi saranno sensibilmente più elevati e potrebbero incidere negativamente sul bilancio familiare.
Prestiti INPS ed ex INPDAP

L’INPS permette a pensionati e dipendenti pubblici di beneficiare di finanziamenti a tassi di interesse particolarmente favorevoli. L’applicazione va fatta per via telematica sul sito dell’Ente previdenziale, dove sarà possibile scaricare gratuitamente tutta la modulistica richiesta. Possono presentare domanda:

  • pensionati e dipendenti statali iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’INPS o al Fondo Credito;
  • dipendenti di Poste Italiane e delle numerose aziende ad essa collegate.

Banche e finanziarie

Il mercato del credito al consumo si è altamente specializzato, e ormati tutti i più importanti Istituti di Credito, così come le finanziarie leader del settore, vantano una gamma di prodotti ampia e mirata.

Per quanto riguarda i prestiti finalizzati, la panoramica delle offerte è vasta, e spazia da:

  • prestiti per la fondazione di startup, in particolare se innovative ed in grado di intercettare finanziamenti ed agevolazioni pubbliche previste dalla legge per questa tipologie di imprese;
  • realizzazione di progetti imprenditoriali di ampio respiro (i più grandi Gruppo bancari nazionali elargiscono prestiti personali anche superiori ai 125 mila euro, in presenza di solide garanzie);
  • presti personali per acquisto di beni di consumo (auto, viaggi, arredamento);
  • presti per la ristrutturazione di immobili
  • prestiti per finanziare l’istruzione universitaria e post-universitaria, a tassi fortemente agevolati;
  • prestiti per il consolidamento e la restituzione, in un’unica rata, di finanziamenti precedentemente sottoscritti
  • prestiti personali per il mero ottenimento di liquidità.

In conclusione, possiamo affermare che, nonostante la crisi abbia colpito duramente il mercato del credito, le possibili opzioni per chi desideri avvalersi di prestiti personali sono abbastanza ampie. Non esiste una scelta ottimale, e la soluzione migliore va ponderata tenendo in considerazione alcuni fattori essenziali che vi illustriamo di seguito.

  • Tasso di interesse. Attualmente il costo del denaro è ai minimi storici, dunque questa voce non dovrebbe rappresentare una problematica insormontabile. Si consiglia comunque di confrontare tra loro i tassi proposti dagli enti erogatori e monitorare costantemente l’andamento dei mercati.
  • Capacità di rimborso. Una attenta valutazione del proprio budget mensile, con spese fisse e variabili è essenziale per non andare in sofferenza e richiedere somme la cui rata mensile può essere agevolmente restituita.
  • Analizzare eventuali rischi ai quali possono essere esposte le nostre fonti di reddito (perdita dell’impego, solidità dell’azienda), e premunirsi se possibile con la sottoscrizione di prodotti assicurativi che offrano solide garanzie nel caso in cui dovessero verificarsi situazioni impreviste.